La capacità di raccogliere, gestire ed elaborare le informazioni rappresenta oggi la chiave di successo per qualsiasi azienda digitalizzata. Gli Analytics for Business sono le applicazioni che permettono alle imprese di trasformare i dati grezzi in evidenze utili alle attività lavorative, con diversi obiettivi tra cui 

  • – ottimizzare i processi recuperando efficienza e tagliando sui costi;  
  • – innovare l’offerta differenziando il portafoglio e raggiungendo nuovi target; 
  • – capire il cliente per proporre esperienze interessanti e comunicazioni mirate; 
  • – costruire modelli operativi disruptive e più efficaci. 

   

Implementare i processi analitici 

 

Dal punto di vista tecnologico e procedurale, per ottenere gli insights utili al business, occorrono:  

  • – un sistema di data governance efficace alla base, che permetta di raccogliere, archiviare, tracciare e organizzare le informazioni;  
  • – i software analitici al livello superiore dell’architettura, che permettono di estrarre conoscenza a seconda degli obiettivi. 

Le analisi infatti possono avere finalità diverse rispetto a un determinato fenomeno o evento: descrivere i dettagli, diagnosticare le cause, predire le conseguenze, prescrivere azioni correttive o migliorative. Le aziende più mature dal punto di vista dell’utilizzo degli analytics sono in grado di sfruttare gli insights per trasformare radicalmente i processi e dell’offerta di business, ricavando spazi competitivi nuovi e incontrastati.  

Indipendentemente dalla tipologia di analisi (descrittiva, diagnostica, predittiva o prescrittiva), il processo di estrazione degli insights risulta vincente a patto di utilizzare dati sempre puliti e tracciati. La qualità delle informazioni è infatti un fattore critico di successo e si ottiene implementando una procedura corretta per mappare il ciclo di vita delle informazioni (data lineage). Così è possibile risalire al dato originario e avere visibilità sulle sue trasformazioni nel corso del tempo. 

   

Analytics for Business, come aiutano le aziende 

 

Scendendo nel concreto, gli Analytics for Business possono riguardare diversi campi di indagine e aree aziendali. 

Grazie all’analisi avanzata dei dati, i software analitici non solo permettono di approfondire la conoscenza di un fenomeno, portando alla luce evidenze nascoste, ma anche di predire scenari e suggerire interventi. 

La Business Intelligence tradizionale si occupa tipicamente di analizzare gli eventi accaduti elaborando i dati storici. Permette ad esempio di monitorare a posteriori le performance di un’azione (i ritorni di una campagna di marketing, i risultati di una decisione strategica e così via) permettendo di raddrizzare il tiro per i piani futuri. 

Le applicazioni analitiche più avanzate invece utilizzano dati continuamente aggiornati per prendere decisioni immediate, prevedere eventi, prescrivere o addirittura eseguire azioni secondo logiche razionali. 

Ad esempio, le soluzioni di analisi predittiva coniugano un insieme di tecniche statistiche e strumenti IT che permettono di predire tendenze future e modelli di comportamento, sulla base dell’elaborazione di dati storici e attuali. Diventa così possibile sfruttare i dati per pianificare le prossime strategie aziendali, riducendo i margini di errore e accelerando il decision making.  

Grazie alle tecniche di Intelligenza Artificialeun sistema computazionale può addirittura emulare il ragionamento umano, sfruttando funzionalità analitiche che consentono ad esempio di effettuare operazioni di data mining e pattern recognition. 

Per citare qualche applicazione pratica, i Recommender System sono sistemi che permettono di tracciare il comportamento e le preferenze degli utenti online, quindi suggerire automaticamente prodotti e servizi potenzialmente interessanti grazie alle funzionalità di machine learning. Il vantaggio è ovviamente un aumento delle vendite, oltre all’acquisizione di nuova clientela con offerte personalizzate. 

Insomma, gli Analytics for Business, soprattutto nelle declinazioni più avanzate di intelligenza artificiale, oltre a trasformare e ottimizzare i processi aziendali, possono davvero innovare le attività di business contribuendo alla differenziazione dell’offerta e all’aumento dei profitti. 

  

New call-to-action

Approfondimenti da BNext:

Dataiku: cosa c’è da sapere sulla nuova release

Le novità più importanti della release 11.0 e 11.1.0 spiegate dal nostro data scientist Emiliano Fuccio

Cos’è la Data Quality e le metriche di riferimento

La Data Quality è una misura della condizione dei dati basata su fattori quali accuratezza, completezza, coerenza, affidabilità e se sono aggiornati. La misurazione dei livelli di qualità dei dati può aiutare le organizzazioni a identificare gli errori nei dati che...

Data as a Service: cos’è a cosa serve

I modelli a servizi disponibili in cloud consentono di avere nuove opzioni di utilizzo dei dati, molto più flessibili e scalabili rispetto ai sistemi di gestione tradizionali. È il caso del Data as a Service (Daas), una soluzione strategica in grado di semplificare...

Data Science Lifecycle, le 6 (+1) fasi del processo

La Data Science è un campo di studi interdisciplinare il cui obiettivo finale è estrarre informazione e conoscenza utili da dati strutturati o non strutturati. Non esiste un framework unico e universalmente condivido per definire i processi di Data Science, tuttavia, dal punto di vista tecnico lo standard KDD è quello a cui ci si ispira maggiormente, perché indica l’intero processo di ricerca di nuova conoscenza dai dati.

A cosa serve la Data Science?

L’analisi dei dati è in generale una materia molto ampia e con una storia che rimanda indietro di diversi anni da oggi. Si inizia a parlare di analisi dati già alla fine del 1700 con le prime visualizzazioni grafiche e l’evoluzione di questa materia non solo negli...

Churn Strategy: gli step per impostarla al meglio minimizzando il Churn Rate

Churn analysis e churn rate sono due concetti strettamente connessi: l’analisi degli abbandoni (churn analysis) è quella branca della Data Science attraverso cui si cerca di prevedere quali clienti hanno maggiori probabilità di abbandonare l’azienda, cosa che si...

Fare ordine tra i dati: dalla Data Quality alla Data Governance 

Mettere ordine tra i propri dati aziendali è il primo passo, lo step fondamentale per riuscire a governarli e ad utilizzarli nel modo più opportuno e proficuo per l’azienda.   Diamo qui per scontato che i dati aziendali siano “sporchi” per natura, perché...

I 6 comandamenti per un Data Storytelling di successo 

Letteralmente il Data Storytelling è l’arte del raccontare una storia attraverso i dati. Si tratta dell’evoluzione della Data Visualization, l’ultimo step di quel lungo processo analitico che ha lo scopo di trasformare i dati provenienti dalle diverse origini di...

Cosa sono i Big Data e come vengono utilizzati?

I Big Data sono ormai entrati a far parte del mercato tecnologico globale, ma spesso questa definizione viene utilizzata senza aver chiaro di cosa si tratta o di quali sono le accortezze e le tecnologie necessarie per poterli sfruttare al meglio nel loro valore...

Chi è e quanto guadagna un Data Engineer?

Fino a qualche tempo fa occuparsi dell’analisi dati in azienda voleva dire fare BI, e non era difficile trovare figure che si occupassero di questo. Nell’ultimo decennio, invece, l’analisi dati si è evoluta in modo esponenziale, si inizia a parlare di Data Science,...