Oggi la maggior parte dei Big Data prodotti provengono da oggetti connessi: il numero sempre maggiore di dispositivi online e i livelli di sofisticazione raggiunti fanno si che per le aziende sia sempre più strategico riuscire a raccogliere e analizzare i dati provenienti dall’IoT. E metterli in correlazione con i dati provenienti dagli altri sistemi aziendali dà l’opportunità alle aziende di fare analisi sempre più accurate e approfondite e approcciare così strategie data oriented.

Qual è il principio che lega i dati che arrivano dall’IoT, le analisi svolte tipicamente nel mondo Big Data e l’approccio data driven? I dati proveniente dall’ IoT raccolgono dati grazie a i sensori e possono trasmettere output, oppure alimentare architetture big data. Il tutto viene poi analizzato e utilizzato per fare analisi predittive o avere informazioni inattese.

 

Scopriamo in questo articolo di Keplero il collegamento tra l’approccio data driven, i big data e l’IoT.