Il nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 offre un sostegno concreto per risollevare le imprese italiane, duramente messe alla prova dalla pandemia di Covid-19, incentivandole ad investire e dare più importanza all’innovazione e alla sostenibilità ambientale.

 

Innovazione e sostenibilità ambientale; su queste si sono accesi i riflettori della nuova strategia industriale che ha coinvolto il nostro Paese. Con la pandemia, anche i più restii alla digitalizzazione si sono resi conto di come la tecnologia sia fondamentale per permettere alle aziende di sopravvivere.

Da Industria 4.0 a Transizione 4.0; per fronteggiare la crisi ed incentivare le imprese ad investire nell’innovazione e nella sostenibilità, viene adottato un nuovo Piano Nazionale per l’anno 2021 che stanzia circa 24 miliardi di euro. Il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli dichiara:

“Il nuovo Piano Nazionale 4.0 è il primo mattone su cui si fonda il Recovery Fund italiano”

 

Gli obiettivi di Transizione 4.0

Qual è l’obiettivo di Transizione 4.0? L’obiettivo del nuovo Piano è far sì che l’attuale momento di crisi non impedisca alle aziende di digitalizzarsi. Il Ministero dello Sviluppo Economico si schiera al fianco di tutte quelle imprese, in modo particolare le PMI, che vorrebbero intraprendere la via dell’innovazione digitale, ma che a causa della pandemia hanno timore e difficoltà ad investire. Parliamo di incentivi 4.0 e valgono per tutti gli investimenti effettuati nell’arco temporale novembre 2020 – giugno 2023. La misura prescelta per il nuovo piano nazionale Transizione 4.0 è quella del credito di imposta.

A godere del Piano Transizione 4.0 sono tutte quelle imprese italiane intenzionate ad investire nel territorio italiano. Ma a quali risorse sono destinate gli incentivi 4.0? Per investimenti in beni strumentaliper ricerca, sviluppo, innovazione e design e per la formazione 4.0.

Il credito di imposta in beni strumentali è utile a sostenere e spingere le imprese a fare investimenti in nuovi beni strumentali, e a favorire il processo di innovazione tecnologica delle industrie.

Il nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 per il 2021 prevede anche un credito di imposta specifico per i beni intangibili, in modo particolare i software. Come emerge però dagli studi svolti dal Ministero dello Sviluppo Economico, questi incentivi fino a questo momento sono stati sfruttati soprattutto dalle medie e grandi imprese, motivo per cui l’intenzione è ridurre il gap digitale delle PMI.

Altro tema importante è quello della ricerca, sviluppo, innovazione tecnologica e design. Questo credito di imposta cerca, infatti, di orientare le scelte delle imprese in questo campo per far sì che le aziende siano competitive sul mercato, scelgano le nuove tecnologie e adottino politiche green.

 

Perché scegliere di investire nel settore HiTech?

Fare investimenti nel digitale, scegliere l’intelligenza artificiale e piattaforme IoT a supporto delle proprie attività significa aumentare la produttività, la flessibilità, rendere i servizi più efficienti, ridurre il time to market e i costi del ciclo produttivo. Affidarsi ai professionisti del settore digitale rappresenta un grande vantaggio competitivo per le aziende che possono ridurre gli errori dovuti alle procedure manuali e godere anche di attività di monitoraggio in tempo reale del proprio ciclo produttivo.

Con la trasformazione digitale e con le continue innovazioni, le aziende hanno bisogno di poter formare adeguatamente i propri dipendenti. Per questo, Transizione 4.0  punta a favorire le spese nella formazione 4.0 in materie tecniche, scientifiche, digitali ecc. Si tratta, quindi, di formare i dipendenti sulle nuove tecnologie e su tutto il processo di trasformazione tecnologica che coinvolge le imprese. Questo bonus è rivolto, quindi, a tutte quelle imprese che investono per apprendere nuove conoscenze e rafforzare quelle che già hanno in tema HiTech.

La nuova strategia industriale pone l’attenzione anche sui Competence Center e sugli Innovation Hub. Si punta cioè a realizzare dei centri a livello nazionale riguardanti le nuove tecnologie, in settori come l’intelligenza artificiale, la sicurezza informatica e la blockchain.

Transizione 4.0 rappresenta, quindi, una grande opportunità e allo stesso tempo una sfida per tutte quelle aziende che fanno ancora fatica o sono titubanti, complice anche l’attuale condizione economica-sanitaria, ad inserire le nuove tecnologie nei propri processi produttivi ed investire nella ricerca e nello sviluppo.

 

CTA_keplero_infografica

Approfondimenti da BNext:

Dataiku: Intelligenza Artificiale per le case farmaceutiche

Oltre il 60% delle aziende farmaceutiche sono state identificate come “principianti” quando si parla della loro maturità riguardo l’AI.

denodo: quando la Data Virtualization fa la differenza

La data virtualization è trasversale e può fare la differenza in quelle situazioni in cui i dati sono su diverse fonti da integrare

Le analisi di coorte integrate in Niky, la piattaforma di Customer Analytics di BNova

Nelle analisi di coorte integrate in Niky puoi osservare l’evoluzione nel tempo delle coorti acquisendo informazioni di valore per il business

Data Virtualization: a chi porta i maggiori benefici?

I vantaggi e benefici che la Data Virtualization porta in azienda riguardano tutti i data consumer, ciascuno in modo diverso. Vediamo per le diverse funzioni aziendali, quali sono i benefici più evidenti.

Analisi di coorte: esempi reali ed applicazioni

Tra gli esempi più significativi di applicazione delle analisi di coorte ci sono quelle specifiche relative ai clienti, prima fra tutte quella che consente di “mappare” il customer journey partendo dall’analisi dei comportamenti delle persone

Analisi di coorte: cos’è e perché è importante per capire il comportamento degli utenti

L’analisi di coorte è una tipologia di analisi dei dati che si concentra sulle attività ed il comportamento di una specifica coorte, ossia un gruppo di persone che condividono una o più caratteristiche comuni in un dato periodo di tempo.

Data Virtualization: le tecniche per mettere a fuoco i tuoi dati

Cos’è la data virtualization? Quali vantaggi porta? Si tratta di un approccio ai dati completamente diverso rispetto a quello tradizionale e permette di superare molte delle limitazioni e problematiche ad oggi presenti. Scopri di più

Data Science Tools: la cassetta degli attrezzi dei team di Data Scientist

Strumenti tecnologici, piattaforme, linguaggi di programmazione, tools di vario genere rappresentano elementi importanti, gli “attrezzi del mestiere” per i Data Scientist. Ecco alcuni dei linguaggi e dei tools che solitamente non mancano all’interno di un team di Data Scientist.

Data Scientist, chi sono e cosa fanno per aiutare le aziende

Oggi i dati rappresentano uno degli asset più critici ed importanti per un’azienda (e non solo), tant’è che ormai si parla dei dati come del nuovo petrolio nell’economia dell’informazione e della conoscenza. Chi lavora sui dati e con i dati gode di un grande vantaggio. Ma chi sono davvero i Data Scientist e cosa fanno concretamente per aiutare le aziende?

Dataiku: i consigli per scegliere il giusto progetto di Data Science

Con decine di potenziali use case ma risorse limitate, è importante dare priorità ai progetti che hanno sia un alto valore di business che un’alta probabilità di successo. I consigli di Dataiku