Transizione 4.0.  Malgrado la crisi generata da Covid-19, le imprese stanno dimostrando di essere resilienti e di riuscire a proseguire il proprio business in modalità nuove grazie alle tecnologie digitali emergenti. Come anticipato nel precedente articolo, per aiutare le imprese ed incentivarle ad investire sono stati stanziati circa 24 miliardi di euro nel nuovo Piano Transizione 4.0. Si punta, soprattutto, all’innovazione tecnologica e alla sostenibilità.

 

Nonostante la situazione di emergenza economica-sanitaria, per le imprese potrebbe essere il momento giusto per investire. Tanti, infatti, i vantaggi del nuovo Piano Transizione 4.0 per tutte le imprese italiane che intendono fare investimenti in ambito innovazione, green, design e ideazione estetica.

 

Cos’è il Piano Transizione 4.0?

Si tratta di una nuova strategia industriale sviluppata per favorire il processo di trasformazione digitale e di sostenibilità ambientale delle imprese. L’obiettivo del nuovo Piano è anche promuovere il Made in Italy e far sì che l’Italia diventi più attrattiva per gli investimenti dai Paesi esteri. Transizione 4.0 sostituisce i vecchi piani Industria 4.0 e Impresa 4.0, introducendo un’unica misura con aliquote differenti in base alle diverse tipologie di risorse. Tante le novità e i vantaggi previsti dal nuovo Piano. Innanzitutto, con Transizione 4.0 aumenta il numero di chi può beneficiare degli incentivi.

La misura prescelta per il nuovo piano nazionale è quella del credito di imposta ed i principali ambiti di azione sono (fonte: https://bit.ly/3qZ7uny):

• Beni strumentali: gli incentivi per i beni strumentali servono a supportare e incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi. Per i beni strumentali il credito di imposta per l’anno 2021 è del 10% a condizione che gli investimenti non superino i 2 milioni di euro. Per il 2022 il credito di imposta scenderà al 6%.

• Ricerca, sviluppo, innovazione e design: stimolare la spesa privata in ricerca, sviluppo, innovazione tecnologica e ideazione estetica per sostenere la competitività delle imprese e per favorirne i processi di transizione digitale e nell’ambito dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale. Il credito di imposta stabilito è del 20% per le spese fino a 4 milioni di euro.

• Formazione 4.0: stimolare gli investimenti nella formazione del personale sulle materie aventi ad oggetto le tecnologie rilevanti per la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese. Gli incentivi per la formazione 4.0 prevedono un credito di imposta fino al 50% sulle spese che devono affrontare le imprese per la formazione dei dipendenti. Gli argomenti di interesse riguardano i big data e le analisi dei dati, l’IoT, la sicurezza informatica, l’intelligenza artificiale, la robotica, l’augmented reality (AR) ecc.

 

Quali sono i vantaggi per le imprese?

Innanzitutto, non bisogna attendere a lungo per ottenere i rimborsi! La compensazione del credito d’imposta, infatti, è immediata. Possono trarne vantaggio tutte le imprese italiane, sia di grandi dimensioni che piccole e medie imprese, appartenenti a qualsiasi tipo di settore, e anche se non producono utili.  Non finiscono qui i vantaggi. Altra caratteristica, infatti, è che i crediti di imposta si possono cumulare, ad esempio, con bandi regionali e nazionali, perché non sono ritenuti ausili di Stato.

Accedere alle agevolazioni di Transizione 4.0 si traduce per le imprese in un cospicuo risparmio fiscale, circa del 74% del valore dei prodotti comprati. Inoltre, aver già goduto negli anni passati degli incentivi, indipendentemente dalla somma ottenuta, non esclude le imprese ad aver accesso a tutti i benefici previsti dal nuovo piano per il 2021.

Transizione 4.0 ha un occhio di riguardo per il Mezzogiorno. Gli incentivi costituiscono un incoraggiamento verso l’innovazione per tutte quelle piccole imprese che avendo poco budget a disposizione e scarse conoscenze tecnologiche sono più in difficoltà e restie ad investire. Per le regioni del Sud sono state fissate, infatti, agevolazioni fino al 45% su tutti gli investimenti che rientrano entro l’anno 2022.

Il nuovo Piano Transizione 4.0 permette, quindi, alle imprese, soprattutto alle PMI, di ottenere maggior flessibilità, maggior produttivitàdiminuzione degli gli errori dovuti, ad esempio, alle procedure o ai fermi macchina grazie all’introduzione di processi e prodotti (software) legati alla digitalizzazione. Keplero risponde a pieno a queste esigenze; l’ loT infatti rappresenta una chiave di volta per aumentare efficienza ed efficacia del proprio business in termini di ROI.

Appronfondimenti da BNext:

L’IoT per il monitoraggio energetico

L’IoT e l’analisi dei dati per il monitoraggio energetico e la gestione intelligente dell’efficienza energetcia e dei consumi

E-mobility: la rivoluzione green nel settore automotive

Forte crescita per il mercato dell’e-mobility dovuta sia ad una maggiore sensibilità all’impatto ambientale, sia agli incentivi governativi per l’acquisto dei veicoli elettrici. Auto elettriche ed ibride sono il nuovo modo green per spostarsi, che sta rivoluzionando...

Monitoraggio energetico e analisi dei consumi, cosa sono e a cosa servono

Le tecnologie per il monitoraggio energetico e l’analisi dei consumi aiutano le aziende a raggiungere gli obiettivi di efficienza energetica

Smart mobility: come spostarsi in modo “intelligente”

L’innovazione digitale cambia il modo di concepire la mobilità urbana che diventa più flessibile, green ed efficiente.   La Digital Transformation arriva nelle grandi città, portando con sé nuove forme di mobilità e trasporto. Il concetto di Smart City, infatti, si...

Transizione 4.0. La Digital transformation in ottica green con Keplero

Come Keplero risponde agli obiettivi previsti dal Piano Transizione 4.0 Keplero aiuta le imprese ad intraprendere la via della Digital Transformation, realizzando progetti ad hoc grazie ad una innovativa piattaforma Industrial IoT altamente flessibile e...

Transizione 4.0: perché investire ora?

Transizione 4.0.  Malgrado la crisi generata da Covid-19, le imprese stanno dimostrando di essere resilienti e di riuscire a proseguire il proprio business in modalità nuove grazie alle tecnologie digitali emergenti. Come anticipato nel precedente articolo, per...

Transizione 4.0: la strategia per imprese più smart e green

Da Industria 4.0 a Transizione 4.0 per fronteggiare la crisi ed incentivare le imprese ad investire nell’innovazione e nella sostenibilità

Asset Tracking. Perché tracciare gli asset nei luoghi chiusi?

Con un sistema di Asset Tracking indoor, le aziende riescono ad ottimizzare la gestione degli asset, ridurre gli errori umani ed affrontare meglio le situazioni di emergenza.   Come rendere i processi logistici più efficienti e avere pieno controllo dei propri...

Asset Tracking: come tracciare le risorse in tempo reale

Opportunità e vantaggi per chi guarda nuove soluzioni tecnologiche: Keplero e l’Asset Tracking, il tracciamento intelligente basato sull’IoT

Keplero: il progetto ASSIST per il monitoring dei mezzi spargisale

Keplero progetto ASSIST è un SaaS cui i clienti (Comuni, Enti, grandi aziende) accedono per verificare che tutto funzioni correttamente