Il termine non è nuovo, è stato coniato nel 2008 da Salim Ismail, imprenditore canadese oggi considerato uno dei massimi esperti ed autori in tema di organizzazioni esponenziali, e dal futurologo e ricercatore Ray Kurzweil che in quello stesso anno ha fondato, insieme a Peter Diamandis, la Singularity University, società americana di alta formazione presso il NASA Research Park in California, negli Stati Uniti (di cui Ismail è direttore esecutivo). Ma cosa sono le organizzazioni esponenziali? Cosa significa il termine esponenziale riferito ad un’azienda?

Se volessimo provare a dare una definizione concentrandoci sull’esponenzialità, potremmo dire che le organizzazioni esponenziali sono le aziende che non hanno una crescita lineare ma si sviluppano con valori di crescita che aumentano in maniera esponenziale di anno in anno (senza scomodare la matematica, potremmo semplicemente dire con un aumento decisamente notevole per proporzioni).

Ci si è accorti di questo tipo di organizzazioni con l’avanzamento della Digital Economy e con l’arrivo sul mercato di realtà come AirBnb o Uber (solo per citare i due nomi più noti) che, in termini di crescita e avanzamento sul mercato, hanno mostrato al mondo cosa voglia dire essere un’organizzazione esponenziale.

Tuttavia, l’elemento cardine che fa di un’azienda un’organizzazione esponenziale non è la sua “giovane età” (non stiamo parlando di una “condizione” riservata alle Startup), ma la capacità di sfruttare al massimo le tecnologie, soprattutto quelle emergenti e più innovative.

La tecnologia è il driver che consente a queste organizzazioni di posizionarsi in mercati potenzialmente illimitati (da cui derivare quindi una crescita continua ed esponenziale), ma anche di modellare strutture organizzative e processi molto agili e dinamici.

Naturale quindi che tra le tecnologie alla base della trasformazione delle imprese che vogliono diventare organizzazioni esponenziali ci siano quelle che abilitano migliori processi decisionali come Big Data, Advanced Analytics, Intelligent Data Processing, Intelligenza Artificiale e Machine Learning.

LIVE TALK – Organizzazioni esponenziali: le leve per far evolvere le aziende tradizionali

Per esplorare quali sono le principali caratteristiche delle organizzazioni esponenziali e quali insegnamenti si possono trarre, anche attraverso alcuni esempi concreti, per apportare innovazione alle proprie realtà e avviare un percorso di evoluzione verso nuovi modelli di business esponenziali, abbiamo recentemente organizzato un LIVE TALK cui hanno partecipato Cristiano Daolio, Managing Partner di ExoMind, e Daniele Dall’Asta, Sales Director di BNova.

Insieme a loro abbiamo approfondito questi aspetti delle organizzazioni esponenziali:

  • Cosa sono e cosa significa – da un punto di vista di struttura organizzativa e di processi – “essere” o “trasformarsi” in un’azienda con modello di business esponenziale
  • Il percorso: da azienda tradizionale ad organizzazione esponenziale, quali passi si devono compiere? Quali le leve e le direttrici? Il ruolo delle competenze e della leadership. Gli esempi di chi ha già “intrapreso il viaggio”
  • Dati e tecnologie: l’importanza dei dati e delle tecnologie nei percorsi di trasformazione ed innovazione.

 

SEI CURIOSO DI SAPERE COSA HANNO DETTO CRISTIANO E DANIELE? PUOI GUARDARE IL LIVE TALK ON DEMAND

CTA_Organizzazioni_esponenziali_video

Approfondimenti da BNext:

Keplero: approccio data driven, Big Data & IoT

La maggior parte dei Big Data sono prodotti da oggetti connessi. Metterli in correlazione con i dati provenienti dagli altri sistemi permette di fare analisi sempre più accurate e approfondite e approcciare strategie data oriented

Keplero: magazzini più efficienti con il picking automatizzato

Quando si parla di logistica non si può non fare riferimento al “magazzino” che si è evoluto con nuove tecnologie (IoT, RFID, dispositivi mobili) che ne hanno modificato e semplificato la gestione: tutto parte dal picking…

Prevenire l’abbandono dei clienti: le churn analysis in Niky

Le churn analysis sono analisi avanzate dei dati che non solo offrono una previsione della tendenza all’abbandono da parte dei clienti, ma consente di trarre efficaci strategie per migliorare la Customer eXperience.

Keplero: big data e machine learning per la logistica

Oggi le aziende hanno a che fare con due grandi questioni: clienti sempre più esigenti e profitti in calo. La Digital Transformation diviene essenziale, e ML e BigData sono una reale opportunità

Niky Analytics, analisi avanzate dei dati per il Retail Marketing

Gli analytics nel retail: Niky Analytics per migliorare l’esperienza del cliente, aumentare le vendite e ottimizzare le operations

Logistica 4.0: il futuro

Logistica 4.0, stoccaggio e trasporto delle merci. Questa nuova forma di Logistica porta con sè nuove competenze, nuovi modelli organizzativi, nuove tecnologie digitali

Dataiku: le novità della release 9

Dataiku, tante novità. Le energie si concentrano sul processo di trasformazione e analisi del dato e sulla collaborazione con altri tool, come Tableau

Predictive Analytics nel Retail marketing, i casi d’uso

Retail marketing, i casi d’uso delle predictive analytics. Alcuni esempi applicativi delle analisi predittive nell’ambito del Retail marketing

Smart Manufacturing e Keplero: fabbrica connessa e processi digitalizzati

Smart Manufacturing, la “fabbrica connessa”. Una soluzione di Smart Manufacturing dev’essere in grado di raccogliere le informazioni, elaborare i dati, restituire informazioni di valore.

Retail Analytics, la Data Science applicata al settore del commercio

Cosa sono i Retail Analytics, a cosa servono e per chi sono utili. Scopri come sfruttare al meglio la Retail Data Analysis