Definiti “gli introvabili” da una recentissima ricerca di Adecco, sono coloro che lavorano sul nuovo petrolio, i dati. Ma chi sono e cosa fanno concretamente i Data Scientist? Come aiutano le aziende? 

Il mondo del lavoro cambia velocemente. Le tecnologie evolvono in fretta e generano impatti sulle competenze e le capacità al punto da rendere introvabili per le aziende alcuni professionisti, in particolare quelli con competenze iperspecialistiche. 

 Una recente indagine di Adecco svela quali sono i dieci profili che in futuro saranno sempre più ricercati dalle aziende di tutto il mondo. Tra questi profili, anche quello del Data Scientist. 

È innegabile che oggi i dati rappresentino uno degli asset più critici ed importanti per un’azienda (e non solo), tant’è che ormai si parla dei dati come del nuovo petrolio nell’economia dell’informazione e della conoscenza. Ne deriva che chi lavora sui dati e con i dati gode di un po’ di vantaggio in quelli che saranno i nuovi scenari del mondo del lavoro con aziende sempre più “a caccia” di persone in grado di leggere i numeri e interpretarli.  

 Ma chi sono davvero i Data Scientist e cosa fanno concretamente per aiutare le aziende? 

 Data Scientist non sono figure mitologiche, ma professionisti iper-specializzati. Per diventare veri e propri “esperti di dati” servono competenze eterogenee, spesso trasversali, che spaziano dalle tecnologie informatiche alle competenze economiche e alla conoscenza del mercato e del business, fino alle conoscenze matematiche per la scrittura e l’utilizzo di algoritmi o all’abilità di utilizzare avanzate analisi sui dati e tecniche di Intelligenza Artificiale, come il Machine Learning. 

Se, come abbiamo descritto nell’articolo “Le 6 (+1) fasi del processo tipico di Data Science”, la Data Science è un campo di studi interdisciplinare il cui obiettivo finale è estrarre informazione e conoscenza utili da dati strutturati o non strutturati, è evidente che pensare di avere tutte le competenze necessarie in un’unica persona risulta decisamente improbabile.   

Difficile, infatti, che si possa avere “tutto in uno”, molto più probabile che si possano costruire gruppi di lavoro di Data Scientist con differenti specializzazioni, tenendo conto anche del fatto che le loro competenze spesso devono “adattarsi” al contesto e, soprattutto, agli obiettivi di business per i quali diventano necessarie quelle specifiche capacità. Non a caso, servono anche soft skill quali comunicazione e capacità di fare lavoro di squadra. 

Lo sanno bene, per esempio, Laura Margara, Giulia Lucherini e Edoardo Annunziatatutti Data Scientist di BNova che coniugano in unico team competenze matematiche, informatiche, economiche e di business.  

Laura per esempio è l’informatica, la specialista del dato. Giulia l’economista che sa disegnare scenari. Edoardo il matematico che sa guardare dentro gli algoritmi. Un bel mix vero? 

Se vuoi conoscerli e capire chi sono e cosa fanno i Data Scientistguarda il nostro live talk disponibile on demand. 

 

Clicca qui per vedere il materiale del live talk "Rudy nell'arena dei Data Scientist"

Approfondimenti da BNext:

Digitale e smart, l’occasione delle donne per superare la trappola degli stereotipi

Superare la trappola degli stereotipi: uomini e donne sono diversi, la vera forza sta nella diversità di genere. Il digitale e lo smart working come occasione per le donne.

La cultura del dato tra presente e futuro, tra falsi miti e realtà. La visione di BNova.

La visione di BNova, la cultura del dato per strategie e attività decisionali non come un esercizio di stile ma come nuovo modus operandi.

denodo: quando la Data Virtualization fa la differenza

La data virtualization è trasversale e può fare la differenza in quelle situazioni in cui i dati sono su diverse fonti da integrare

Le analisi di coorte integrate in Niky, la piattaforma di Customer Analytics di BNova

Nelle analisi di coorte integrate in Niky puoi osservare l’evoluzione nel tempo delle coorti acquisendo informazioni di valore per il business

Data Virtualization: a chi porta i maggiori benefici?

I vantaggi e benefici che la Data Virtualization porta in azienda riguardano tutti i data consumer, ciascuno in modo diverso. Vediamo per le diverse funzioni aziendali, quali sono i benefici più evidenti.

Analisi di coorte: esempi reali ed applicazioni

Tra gli esempi più significativi di applicazione delle analisi di coorte ci sono quelle specifiche relative ai clienti, prima fra tutte quella che consente di “mappare” il customer journey partendo dall’analisi dei comportamenti delle persone

Analisi di coorte: cos’è e perché è importante per capire il comportamento degli utenti

L’analisi di coorte è una tipologia di analisi dei dati che si concentra sulle attività ed il comportamento di una specifica coorte, ossia un gruppo di persone che condividono una o più caratteristiche comuni in un dato periodo di tempo.

Data Virtualization: le tecniche per mettere a fuoco i tuoi dati

Cos’è la data virtualization? Quali vantaggi porta? Si tratta di un approccio ai dati completamente diverso rispetto a quello tradizionale e permette di superare molte delle limitazioni e problematiche ad oggi presenti. Scopri di più

Data Science Tools: la cassetta degli attrezzi dei team di Data Scientist

Strumenti tecnologici, piattaforme, linguaggi di programmazione, tools di vario genere rappresentano elementi importanti, gli “attrezzi del mestiere” per i Data Scientist. Ecco alcuni dei linguaggi e dei tools che solitamente non mancano all’interno di un team di Data Scientist.

Data Scientist, chi sono e cosa fanno per aiutare le aziende

Oggi i dati rappresentano uno degli asset più critici ed importanti per un’azienda (e non solo), tant’è che ormai si parla dei dati come del nuovo petrolio nell’economia dell’informazione e della conoscenza. Chi lavora sui dati e con i dati gode di un grande vantaggio. Ma chi sono davvero i Data Scientist e cosa fanno concretamente per aiutare le aziende?