Cos’è un temporary manager? Come il temporary management si rivela utile nelle fase di cambiamento aziendale?

Spesso all’interno delle aziende può capitare che emergano in periodi particolari delle esigenze specifiche che non possono essere coperte con le professionalità presenti nell’organico. Ad esempio nel caso della fase di digitalizzazione aziendale, o di cambi architetturali o strategici radicali.

In casi come questi le soluzioni sono, o affidarsi ad un servizio esterno di consulenza, oppure assumere a tempo pieno la figura specifica. In entrambi i casi ci sono però aspetti da tenere di conto: un’assunzione, per di più di una figura skillata, di sicuro risolve il problema attuale, ma potrebbe rivelarsi nel lungo termine una spesa ben superiore a quella necessaria. D’altra parte il ruolo del consulente sicuramente limita la spesa nel lungo termine, ma è vincolato anche nei tempi perché è circoscritto al progetto per cui il consulente è coinvolto.

Il temporary manager è la soluzione ideale in casi come questi: il suo ruolo, proprio come quello di un manager ad organico, è quello di “aggiustare” la struttura organizzativa, avviare là dove serve una rivoluzione culturale che inizia con il suo input, ma che rimane nel tempo perché si porta dietro un lascito metodologico che l’azienda può continuare a sfruttare anche oltre il termine del suo mandato.

Per BNova la figura del temporary manager è sicuramente un valore aggiunto per un’azienda che sta attraversando un periodo di profondo cambiamento che sia di carattere metodologico o strutturale. Per questo abbiamo deciso di avviare la partnership con CDIManager a partire dallo scorso Maggio.
A sancire la collaborazione è l’obiettivo di base che ci accomuna: offrire una consulenza a 360 gradi forte dell’esperienza di entrambi i soggetti nei settori di competenza; da una parte skills tecniche ed esperienza consulenziale per le tecnologie digitali e l’analisi dati, dall’altra una forte competenza ed esperienza in ambito manageriale (Comunicato stampa)

In questo articolo di CDiGITAL vengono intervistate due realtà aziendali ben consolidate che hanno avuto bisogno dei temporary manager per portare in azienda nuove competenze e rivoluzionare il proprio approccio strategico e metodologico rispetto a quei settori aziendali che avevano bisogno di una “rinfrescata”.

Approfondimenti da BNext:

A cosa serve la Data Science?

L’analisi dei dati è in generale una materia molto ampia e con una storia che rimanda indietro di diversi anni da oggi. Si inizia a parlare di analisi dati già alla fine del 1700 con le prime visualizzazioni grafiche e l’evoluzione di questa materia non solo negli...

IoT Analytics: il valore di applicare il Machine Learning all’IoT 

L’Iot consiste in un sistema formato da dispositivi informatici univoci e interconnessi, capaci di scambiare dati attraverso la rete in maniera autonoma, sfruttando un protocollo di comunicazione. Quando ci si riferisce all’Internet of Things (IoT), infatti, si pensa...

Come scegliere la giusta Data Visualization? I nuovi trend 

La Data Visualization è definita come la rappresentazione grafica di dati e informazioni, ed abbiamo già trattato quanto questo strumento grafico sia capace di rendere informazioni complesse o difficili da interpretare, comprensibili ed accessibili anche per utenti...

Decision support system: cosa sono e come aiutano le aziende 

Negli ultimi decenni il grande e rapido sviluppo delle tecnologie e dell’informatica ha portato le attività aziendali di ogni settore verso un approccio “intelligente”, guidato dai dati. Ciò ha permesso di spostare sempre più il focus sul cliente e sui suoi bisogni e...

Churn Strategy: gli step per impostarla al meglio minimizzando il Churn Rate

Churn analysis e churn rate sono due concetti strettamente connessi: l’analisi degli abbandoni (churn analysis) è quella branca della Data Science attraverso cui si cerca di prevedere quali clienti hanno maggiori probabilità di abbandonare l’azienda, cosa che si...

Cosa sono e come funzionano i sistemi di raccomandazione 

Prima della diffusione di internet e dei motori di ricerca, trovare informazioni utili ad uno specifico argomento o contesto era molto difficile, richiedeva tempo, ricerche lunghe e faticose, e spesso risultava costoso in quanto non era inusuale dover acquistare libri...

Datafication: cos’è e che impatto ha sulla nostra vita quotidiana

Cos’è la Datafication e perché se ne parla  Per datafication si intende tutto il processo tecnologico che trasforma i vari aspetti della vita quotidiana, sociale ed individuale di ogni persona in dati i quali, opportunamente trattati ed analizzati, si trasformano...

Ottimizzare la customer care: le tecniche di profilazione, dal clustering alle analisi RFM 

Partiamo dal presupposto che mantenere i propri clienti sia meno costoso e più remunerativo di doverne trovare di nuovi. Per trovare clienti nuovi sono infatti necessarie strategie ed azioni che risultano essere anche 6-7 volte più costose rispetto al lavoro...

Industria 4.0 e strategie di manutenzione: le differenze tra manutenzione reattiva, preventiva e predittiva 

Per comprendere al meglio le caratteristiche e le potenzialità dell’Industria 4.0 è importante fare chiarezza sul mix tecnologico e di conoscenze che hanno portato dall’Industry 1.0, rivoluzione della manifattura grazie all’energia meccanica, fino all’Industry 2.0,...

Pre-vedere per meglio decidere: IoT e analytics per la gestione di processi event-driven 

I sistemi IoT fanno parte di tutte quelle tecnologie riconosciute come abilitanti per l’Industry 4.0, in grado di abilitare l’interconnessione dei servizi e fornire la possibilità di gestire processi e risorse in modo intelligente e consapevole. Si tratta di sistemi...