Al giorno d’oggi è sempre più diffuso l’avvicinamento delle aziende alle soluzioni cloudperché architetture di questo tipo sono in grado di “autoregolare” le risorse a seconda delle necessità del momento (scalabilità). Ciò permette alle aziende di ottimizzare i costi rispetto all’uso reale delle risorse e, parallelamente, garantire performance adeguate in ogni situazione minimizzando gli sprechi. Se da un lato questa sembra essere la soluzione ai problemi, dall’altro, inevitabilmente, rivolgersi a questo tipo di architetture aggiunge complessità alle infrastrutture aziendali poiché la gestione dei sistemi cloud è complessa, e diventa vantaggiosa solo quando viene gestita in modo adeguato. 

Nella nostra esperienza abbiamo potuto verificare che spesso proprio quest’ultimo aspetto, la complessità infrastrutturale e la relativa necessità di risorse e competenze per gestirla (non solo legate al cloud, ma alla volontà di intraprendere la strada della digital trasformation), è ciò che più frena le aziende nell’avviare percorsi di questo tipo. Si tratta però di un passaggio fondamentale per rimanere competitivi sul mercato di riferimento o per raggiungere nuovi segmenti ed ampliare il proprio business.  

Come consulenti ci poniamo continuamente il problema di come “semplificare” complessità di questo tipo, proprio per accompagnare i nostri clienti in percorsi di trasformazione ed evoluzione. Uno degli approcci più risolutivi è senza dubbio quello della Data Virtualization: i sistemi di Data Virtualization per natura creano una sorta di “interfaccia” tra l’utente e i dati, in questo modo gli utenti si interfacciano ai dati, dovunque essi siano, senza dover conoscere o gestire le policy di accesso, ma grazie ad un “livello” intermedio che ne maschera la complessità e li democratizza per l’utente finale. È facile comprendere come un meccanismo di questo tipo possa aiutare a semplificare la situazione di fronte ad architetture complesse come quelle del cloud! 

Abbiamo già  trattato in questi articoli cos’è la Data Virtualization, le sue caratteristiche e i vantaggi e benefici ottenibili dall’uso della virtualizzazione in contesti e architetture tradizionali in cui le informazioni aziendali si trovano su diversi silos di dati, non sempre facilmente accessibili. Oggi, con la sempre maggiore diffusione delle soluzioni cloud (e multi-cloud) le informazioni aziendali sono ancora più distribuite su sorgenti differenti e ciò comporta un aumento delle problematiche relative alla gestione, sicurezza e business continuity.  

La soluzione? Virtualizzare i dati! 

Per noi la soluzione più performante in ambito Data Virtualization è Denodo: permette di migliorare la gestione e, di conseguenza, l’uso dei dati aziendali semplificando per l’utente finale gli aspetti relativi alle policy di accesso e in generale alla gestione delle sorgenti e dei datiDenodo inoltre consente di avere una visione d’insieme dei dati che permette agli utilizzatori di contestualizzare tutte le informazioni e decidere come “trasformare” i dati nel formato più utile a seconda del contesto d’uso. 

 

Ancora non conosci denodo? Guarda questo webinar di presentazione e demo del prodotto:  

Guarda il webinar

Approfondimenti da BNext:

Cosa sono e come funzionano i sistemi di raccomandazione 

Prima della diffusione di internet e dei motori di ricerca, trovare informazioni utili ad uno specifico argomento o contesto era molto difficile, richiedeva tempo, ricerche lunghe e faticose, e spesso risultava costoso in quanto non era inusuale dover acquistare libri...

Datafication: cos’è e che impatto ha sulla nostra vita quotidiana

Cos’è la Datafication e perché se ne parla  Per datafication si intende tutto il processo tecnologico che trasforma i vari aspetti della vita quotidiana, sociale ed individuale di ogni persona in dati i quali, opportunamente trattati ed analizzati, si trasformano...

Ottimizzare la customer care: le tecniche di profilazione, dal clustering alle analisi RFM 

Partiamo dal presupposto che mantenere i propri clienti sia meno costoso e più remunerativo di doverne trovare di nuovi. Per trovare clienti nuovi sono infatti necessarie strategie ed azioni che risultano essere anche 6-7 volte più costose rispetto al lavoro...

Industria 4.0 e strategie di manutenzione: le differenze tra manutenzione reattiva, preventiva e predittiva 

Per comprendere al meglio le caratteristiche e le potenzialità dell’Industria 4.0 è importante fare chiarezza sul mix tecnologico e di conoscenze che hanno portato dall’Industry 1.0, rivoluzione della manifattura grazie all’energia meccanica, fino all’Industry 2.0,...

Pre-vedere per meglio decidere: IoT e analytics per la gestione di processi event-driven 

I sistemi IoT fanno parte di tutte quelle tecnologie riconosciute come abilitanti per l’Industry 4.0, in grado di abilitare l’interconnessione dei servizi e fornire la possibilità di gestire processi e risorse in modo intelligente e consapevole. Si tratta di sistemi...

La matematica a servizio della finanza

Quando si parla di finanza le attività che vengono in mente sono di vario tipo: valutazione delle attività finanziare e assicurative, misurazione del rischio di prodotti finanziari, studio di tecniche di copertura del rischio con strumenti di ottimizzazione,...

Fare ordine tra i dati: dalla Data Quality alla Data Governance 

Mettere ordine tra i propri dati aziendali è il primo passo, lo step fondamentale per riuscire a governarli e ad utilizzarli nel modo più opportuno e proficuo per l’azienda.   Diamo qui per scontato che i dati aziendali siano “sporchi” per natura, perché...

Dati statici e dinamici: quali sono le differenze?

La contrapposizione tra i concetti di “statico” e “dinamico” è da sempre presente in tantissimi settori ed ambiti, compreso quello informatico. Si parla ad esempio di statico/dinamico in ambito economico rispetto all’impostazione dei prezzi, ma anche in relazione alla...

Cos’è e come viene condotta l’analisi dei dati?

L’analisi dei dati non è sempre stata come la intendiamo oggi, ma è frutto di molti anni di evoluzione. I primi passi risalgono all’esplosione della Business Intelligence, attività che ha aperto la strada  a questo tipo di analisi perché ha permesso agli utenti...

BNova e DAMA: una nuova collaborazione per ampliare gli orizzonti del Data Management

Si amplia la rete di collaborazioni che contraddistingue l’operato di BNova. Siamo molto entusiasti nell’annunciare la nostra adesione a DAMA Italy, Chapter italiano dell'International Data Management Association. L'associazione promuove la conoscenza della cultura...