Definiti “gli introvabili” da una recentissima ricerca di Adecco, sono coloro che lavorano sul nuovo petrolio, i dati. Ma chi sono e cosa fanno concretamente i Data Scientist? Come aiutano le aziende? 

Il mondo del lavoro cambia velocemente. Le tecnologie evolvono in fretta e generano impatti sulle competenze e le capacità al punto da rendere introvabili per le aziende alcuni professionisti, in particolare quelli con competenze iperspecialistiche. 

Una recente indagine di Adecco svela quali sono i dieci profili che in futuro saranno sempre più ricercati dalle aziende di tutto il mondo. Tra questi profili, anche quello del Data Scientist. 

È innegabile che oggi i dati rappresentino uno degli asset più critici ed importanti per un’azienda (e non solo), tant’è che ormai si parla dei dati come del nuovo petrolio nell’economia dell’informazione e della conoscenza. Ne deriva che chi lavora sui dati e con i dati gode di un po’ di vantaggio in quelli che saranno i nuovi scenari del mondo del lavoro con aziende sempre più “a caccia” di persone in grado di leggere i numeri e interpretarli.  

Ma chi sono davvero i Data Scientist e cosa fanno concretamente per aiutare le aziende?

I Data Scientist non sono figure mitologiche, ma professionisti iper-specializzati. Per diventare veri e propri “esperti di dati” servono competenze eterogenee, spesso trasversali, che spaziano dalle tecnologie informatiche alle competenze economiche e alla conoscenza del mercato e del business, fino alle conoscenze matematiche per la scrittura e l’utilizzo di algoritmi o all’abilità di utilizzare avanzate analisi sui dati e tecniche di Intelligenza Artificiale, come il Machine Learning. 

Se, come abbiamo descritto nell’articolo “Le 6 (+1) fasi del processo tipico di Data Science”, la Data Science è un campo di studi interdisciplinare il cui obiettivo finale è estrarre informazione e conoscenza utili da dati strutturati o non strutturati, è evidente che pensare di avere tutte le competenze necessarie in un’unica persona risulta decisamente improbabile.   

Difficile, infatti, che si possa avere “tutto in uno”, molto più probabile che si possano costruire gruppi di lavoro di Data Scientist con differenti specializzazioni, tenendo conto anche del fatto che le loro competenze spesso devono “adattarsi” al contesto e, soprattutto, agli obiettivi di business per i quali diventano necessarie quelle specifiche capacità. Non a caso, servono anche soft skill quali comunicazione e capacità di fare lavoro di squadra. 

Lo sanno bene, per esempio, Laura Margara, Giulia Lucherini e Edoardo Annunziata, tutti Data Scientist di BNova che coniugano in unico team competenze matematiche, informatiche, economiche e di business.  

Laura per esempio è l’informatica, la specialista del dato. Giulia l’economista che sa disegnare scenari. Edoardo il matematico che sa guardare dentro gli algoritmi. Un bel mix vero? 

Se vuoi conoscerli e capire chi sono e cosa fanno i Data Scientist, guarda il nostro live talk disponibile on demand. 

Clicca qui per vedere il materiale del live talk "Rudy nell'arena dei Data Scientist"
ARGOMENTI CORRELATI
Categoria: DATA SCIENCE
Concept grafico che richiama il Data Storytelling

I 6 comandamenti per un Data Storytelling di successo 

Letteralmente il Data Storytelling è l’arte del raccontare una storia attraverso i dati. Si tratta dell’evoluzione della Data Visualization, l’ultimo… Leggi tutto

Concept grafico che richiama le 5V dei Big Data

Cosa sono i Big Data e come vengono utilizzati?

I Big Data sono ormai entrati a far parte del mercato tecnologico globale, ma spesso questa definizione viene utilizzata senza… Leggi tutto

Concept che richiama la figura del Data Engineer

Chi è e quanto guadagna un Data Engineer?

Fino a qualche tempo fa occuparsi dell’analisi dati in azienda voleva dire fare BI, e non era difficile trovare figure… Leggi tutto