0585 842210 | 06 94804839 | 02 58215555 | BNOVA

0585 842210 | 06 94804839 | 02 58215555 | BNOVA

MILANO | 25 OTTOBRE 2018

MILANO | 25 OTTOBRE 2018

AGENDA e RELATORI

INCONTRI 0NE2ONE

ISCRIZIONE GRATUITA

LOCATION

BIGDATATECH 2018 | Data for Human

Com’è ormai assodato collezionare dati non è più sufficiente: è necessario essere in grado di analizzarli, avendo una visione ad alto livello per definire una data driven strategy. Le nuove strategie basate sulle informazioni ricavate dai dati hanno e avranno sempre di più un grande impatto non solo sui processi di business ma anche sui modelli comportamentali dell’uomo. Ad impattare sull’uomo e sull’evolversi dei modelli comportamentali sono anche tutti quei fattori di cambiamento descritti come 4° rivoluzione industriale.

In uno scenario non troppo lontano, la flessibilità delle aziende sarà tale da consentire di personalizzare i prodotti in funzione del singolo cliente. I robot lavoreranno a contatto con l’uomo in ottica collaborativa e dall’uomo apprenderanno in modo naturale. Il flusso di lavoro potrà essere riprodotto in modo virtuale, dunque si potrà verificare il comportamento in astratto e potenziarne le performance. Le aziende sapranno approvvigionarsi di energia senza sprechi e al minor costo possibile, in una parola saranno smart.

E’ da queste considerazioni che prende spunto l’edizione 2018 del Big Data Tech event, che mette al centro l’uomo in primis, come elemento di analisi principale e imprescindibile dal contesto in cui si trova inserito.  Da qui il titolo “Big data for Human”

Come sempre la voce narrante della giornata sarà quella dei nostri clienti, che attraverso le loro esperienze ci guideranno all’interno di questo viaggio.

Focus on: big data, open data, IOT,  robotica collaborativa, l’Intelligenza artificiale, machine learning, neuroscienze

#BDT2018

big data, open data, IOT, machine learning, robotica collaborativa, Intelligenza artificiale, neuroscienze

09.00-09.30
Registrazione partecipanti

09.30-09.45
Benvenuto e introduzione al #BDT2018 | STEFANO CELATI, BNova

09.45-10.15
Data Driven Innovation: la gestione del dato come fonte di vantaggio competitivo | LUCA FLECCHIA, P4I
Le aziende, da sempre, sono una fonte ricchissima di dati. Tuttavia, solo una piccola parte di quei dati, nel corso del tempo, è stata utilizzata per generare informazioni di valore per il business in un contesto in cui gli scenari competitivi cambiano più velocemente che in passato, è fondamentale che le aziende comincino ad utilizzare i dati a propria disposizione per velocizzare e, dove possibile, automatizzare analisi ed azioni a basso valore aggiunto così da permettere agli attori di business di focalizzarsi sulle attività a più alto valore aggiunto. Durante l’incontro cercheremo di capire cosa significhi oggi essere una Data Driven Company e di illustrare, sia concettualmente che tramite alcuni casi di studio, quali sono gli strumenti e le competenze di cui un’organizzazione dovrebbe dotarsi per trasformarsi in una Data Driven Organization.

10.15-10.45
Soluzioni Supply Chain collaborative in ottica data driven | GIANLUCA GIACCARDI, TesiSquare
L’approccio data driven, integrando nativamente business analytics e sistemi transazionali di supply chian, consente il miglioramento delle performance fornendo le informazioni necessarie per agire tempestivamente e puntualmente sugli eventi, anticipando criticità o trovando opportunità di miglioramento.

10.45-11.15
Coffe break

11.15-11.45
HDI Assicurazioni - Un'organizzazione Data Driven | ALESSANDRO TESTA, HDI
Il percorso di innovazione digitale intrapreso dalle compagnie di assicurazione negli ultimi anni, implementando principalmente i propri asset tecnologici, ha determinato un cambiamento profondo nei modelli di business. HDI, come del resto quasi tutte le aziende del settore assicurativo, è fortemente orientata verso una trasformazione da organizzazione “prodotto-centrica” a “cliente-centrica”, confrontandosi in un mercato dove la qualità del servizio ai clienti diventa sempre più un elemento chiave su cui basare la propria offerta. In questo contesto, un cambiamento culturale che porta l’azienda a utilizzare i dati per migliorare il processo decisionale è un elemento strategico per raggiungere gli obiettivi e non solo perché dà la possibilità di capire meglio cosa succede o succederà, ma anche e soprattutto perché introduce gli elementi di collaborazione e interfunzionalità tra le strutture aziendali che sono alla base di un modello orientato alla comprensione delle reali esigenze del cliente. Durante l’intervento, attraverso l’esperienza di HDI, cercheremo di approfondire gli elementi chiave di un’organizzazione data-driven e quali passaggi pratici possono accompagnare la trasformazione.

11.45-12.15
Hitachi Vantara & BNova: una vision condivisa sul mondo dei Big Data | STEFANO LOCELSO, Hitachi Vantara
COMING SOON

12.15-12.45
Cognitive Neuroscience and Big Data: a possible marriage | FABIO BABILONI, Brainsigns, Università la Sapienza
La scienza dei big data è in grado di descrivere come le persone prendono decisioni in differenti contesti. In aggiunta, attraverso la semantica intesa come scienza è possibile descrivere i sentimenti che le persone mettono per iscritto, tipicamente su internet, relative a differenti stimoli. Tuttavia, attraverso le neuroscienze, noi sappiamo che, fattori come l’accettazione sociale, le limitate capacità di introspezione e le limitazioni neuroanatomiche rendono gli uomini scarsi reporter dei loro stati interiori. Ciò significa che il motivo per cui le persone fanno ciò che fanno non si può capire dal loro comportamento. una connessione fra la scienza dei big data e le neuroscienze rappresenta un punto di svolta significativo per capire non solo il perché di alcuni fenomeni ma anche il come. Le neuroscienze cognitive sono pronte per essere usate in contesti industriali avanzati? In questa presentazione verrà descritto un possibile percorso per l’utilizzo di risultati avanzati nelle applicazioni di neuroscienze cognitive nel contesto di neuromarketing.

13.00-14.00
Networking & Lunch

14.00-14.30
SEM, il Chattadino – Progetto di ricerca in collaborazione con UniPi | LUCIA PASSARO, Coling Lab, Università di Pisa
Assistenti virtuali e CHATBOT si stanno affermando con sempre maggiore decisione, l’Italia è da ormai un anno sopra la media europea per l’utilizzo di chat. In questo contesto nasce SEM, un chatbot per la PA che, integrando banche dati, contenuti social, siti web e atti amministrativi… si rivolge a cittadini che vogliono informazioni, ai turisti che desiderano avere indicazioni sul patrimonio culturale del territorio, a giornalisti e attivisti che vogliono vigilare sull’ente pubblico. Un vero strumento di empowerment del cittadino. Le competenze di SEM derivano da una potente pipeline di elaborazione linguistica e semantica, che abbraccia aspetti legati all’Intelligenza Artificiale per analizzare ed estrarre informazioni da dati strutturati e non. Le interazioni vengono continuamente monitorate da una dashboard, applicando tecniche di Big Data & Semantic Analysis e Data Visualization specifiche, rispettando la privacy degli utenti. Il sistema sarà compatibile con le app più diffuse di messaggistica, come Telegram, Skype, Facebook. Il progetto è sviluppato a quattro mani da BNova e ColingLab, laboratorio di Linguistica computazionale dell’Università di Pisa.

14.30-15.00
Social Networks & Hate Speech: la Mappa Italiana dell'Intolleranza | CATALDO MUSTO, Università di Bari
Secondo un recente studio di IBM il 90% delle informazioni che viaggiano in Rete è stato prodotto negli ultimi due anni. I principali artefici di questa crescita esponenziale dei dati siamo noi utenti,che quotidianamente produciamo “informazione” attraverso social network, cellulari e dispositivi dotati di sensoristica. Questo recente fenomeno ha modificato alcuni paradigmi comportamentali consolidati: basti pensare ai nuovi strumenti per discutere in Rete con altri individui e alle nuove modalità con cui oggi costruiamo le relazioni sociali.Uno dei fenomeni più interessanti degli ultimi anni è legato al tema dell’Hate Speech, i “discorsi d’odio” che sempre più frequentemente vengono riversati in Rete e sui social network. Dal 2015 il Dipartimento di Informatica dell’Università di Bari,insieme all’associazione Vox Diritti, all’Università degli Studi di Roma e all’Università Statale di Milano lavora al progetto “Mappa Italiana dell’Intolleranza”, il cui scopo è creare delle mappe termografiche che evidenzino le aree del territorio nazionale in cui gli individui pubblicano più frequentemente contenuti di tipo omofobo, razzista, antisemita o in generale “intollerante” su social network come Twitter e Facebook. Lo scopo del talk è di discutere del ruolo dei social networks e dei social media nella società moderna, delle potenzialità di questi strumenti, dei rischi, e dell’evoluzione recente legata al tema dell’hate speech, mostrando gli ultimi risultati del progetto Mappa Italiana dell’Intolleranza.

15.00-15.30
Caso Antares: prima applicazione di serializzazione farmaceutica su tecnologia graph db | GIANPAOLO GASPARINI, Antares
Antares Vision è un fornitore leader a livello mondiale di sistemi e macchine di serializzazione e di ispezione ad alte prestazioni. Guidando l’intero processo di tutela del prodotto farmaceutico durante tutto il ciclo di vita. Antares Vision ha rilasciato la più inclusiva e completa soluzione di inspection system, track and trace e data management. Con miliardi di dati e un tempo di risposta virtual real time, la struttura del database a grafo sembra la soluzione ideale per una applicazione così complessa.

15.30-16.00
Bioinformatica intelligente - Il deep learning per grafi e le sue applicazioni biomediche e farmaceutiche | DAVIDE BACCIU, Università di Pisa
L’Intelligenza Artificiale sta rivoluzionando il modo di realizzare i servizi e prodotti IT attraverso tecnologie che permettono uno sviluppo guidato dai dati. Allo stesso tempo, l’Intelligenza Artificiale si sta evolvendo per fornire strumenti in grado di trattare dati di complessità crescente. In questo senso, i grafi sono un tipo di dato tra i più complessi ed espressivi. Tramite queste strutture è possibile rappresentare molteplici sorgenti o parti di informazione (i nodi del grafo) e le relazioni che li legano (gli archi del grafo), quali ad esempio interazioni sociali, fisiche, chimiche o biologiche. Mostreremo come i grafi siano una naturale rappresentazione per fenomeni e processi in ambito biomedicale e chimico-farmaceutico, quali interazioni farmaco-farmaco o tra farmaci, malattie e processi metabolici. Discuteremo l’utilizzo di tecniche di Deep Learning per l’analisi di grafi, con applicazione al riposizionamento dei farmaci, alla predizione di interazioni pericolose tra molecole, per arrivare alla sintesi automatica di composti chimici e delle loro proprietà.

16.00-16.30
Soluzioni di e-mobility: IoT al servizio di una mobilità sostenibile | GIANLUCA MANDOTTI, Yess.energy SRL
La salvaguardia dell’ambiente è una delle tematiche più dibattute di questo periodo: è fondamentale avere rispetto e cura della Terra per garantire un futuro migliore alle prossime generazioni. La Comunità Europea è costantemente attiva nello sviluppo di politiche ambientali come la strategia “Europa 2020”, che ha tra i suoi obiettivi la diminuzione delle emissioni di CO2 del 20%. È per questo motivo che sempre più spesso si sente parlare di e-mobility come un tassello importante per un futuro più a misura d’uomo. Yess.Energy nasce appunto per favorire un nuovo approccio verso l’ambiente, la mobilità sostenibile e l’economia circolare. YESS offre una tecnologia indipendente, non vincolata ad alcun produttore/distributore di energia. Inoltre è in grado di offrire all’utente un’esperienza di ricarica sicura e veloce, grazie a un sistema per ricercare ed interagire con le colonnine, ed al gestore la possibilità di monitorarne in tempo reale lo stato, l’utilizzo e gli eventuali guasti. Internet of things, Big Data e Cloud sono alla base della soluzione Yess.Energy. La grande sfida è stata quella di mettere a valore questi tre fattori facendo leva sulla straordinaria potenzialità che i dati possono portare al tema della mobilità. In tal senso, la suite Keplero ha garantito notevoli vantaggi in termini di interoperabilità, flessibilità ed utilizzo degli standard aperti ed ha consentito di ridurre sensibilmente costi e tempi di sviluppo.

16.30-16.45
CHIUSURA DEI LAVORI

 

GIANLUCA GIACCARDI | TesiSquare
Classe 1969, ha iniziato la propria esperienza professionale nell’ambito della consulenza informatica. Nel 1996 è tra i soci fondatori di Tesi Spa società che vedrà nei successivi anni crescere in termini di volume d’affari (oggi 30 mln di €) e di dipendenti/collaboratori (oltre 300). Sin dal principio è direttamente coinvolto nella direzione aziendale, di cui è membro del consiglio di amministrazione e, in ambito business, ha seguito lo sviluppo del settore GRC&HR di cui è stato Business Line Excecutive per poi diventare responsabile dello sviluppo prodotto con il ruolo attuale di Chief Product Officer. A partire dal 2015 è direttamente coinvolto nel progetto internazionale di cui è responsabile dello sviluppo del mercato Francese.

LUCA FLECCHIA | P4I
Cresciuto professionalmente nelle principali aziende di consulenza (KPMG, Capgemini), dove si è occupato di progetti sia di management consulting che di implementazione di sistemi informativi. Le sue esperienze variano da analisi di performance di processi (es. supply chain) alla stesura di analisi funzionali per la realizzazione di applicazioni custom. Ha sviluppato competenze su progetti CRM, merchandise financial planning e analytics, sia in termini di analytics “tradizionali” (es. dashboard, reporting, data warehousing) sia di “advanced” analytics. Si occupa attualmente della gestione della unit di Data Driven Innovation in Partners4Innovation, dove, tra le altre cose, coniuga le proprie competenze di analytics con quelle di Business Process Management (BPM) nell’applicazione delle tecniche di Process Mining.

LUCIA PASSARO | UNIPI, Dip. di Filologia Letteratura e Linguistica
Assegnista di ricerca presso il presso il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Università di Pisa, e membro del CoLing Lab. Ha conseguito la laurea triennale in Informatica Umanistica con una tesi sulla classificazione automatica dei nomi di evento, e la laurea magistrale in Informatica con una tesi di Business Intelligence. Dopo la laurea magistrale, ha conseguito il dottorato di ricerca in Ingegneria dell’informazione presso l’Università di Pisa con una tesi su modelli distribuzionali di emozioni per la Sentiment Analysis. I suoi interessi di ricerca vanno dall’ Affective computing all’estrazione di informazione da corpora. Altri ambiti di interesse sono il text mining, la semantica distribuzionale, l’information retrieval, la Business & Competitive Intelligence. (https://colinglab.humnet.unipi.it/people/lucia/).

STEFANO CELATI | BNova
Da oltre 16 anni si occupa di Business Intelligence, avendo avuto l’opportunità di lavorare a progetti per alcune delle più grandi realtà in Italia ed anche in ambito internazionale. Appassionato da sempre di tecniche di Data Warehousing , negli ultimi anni, ha sempre più sviluppato competenze in ambito Big Data Analytics, grazie all’utilizzo di strumenti e piattaforme innovativi in questo mondo.La sua naturale predisposizione al rapporto con gli altri, lo ha portato inoltre a conseguire la certificazione come Pentaho Trainer, grazie alla quale ha potuto coronare un pò il suo desiderio di fare l’insegnante.

FABIO BABILONI | Brainsigns - Università la sapienza di Roma
Il prof. Fabio Babiloni è professore di Fisiologia e Neuroscienze, ed anche professore di Neuroeconomia e Neuromarketing come anche di Bioingegneria elettronica presso l’Università di Roma Sapienza. Dirige il laboratorio di Neuroscienze industriali, dove si applicano le neuroscienze nei contesti di marketing e di attività di interesse per l’industria italiana e straniera https://web.uniroma1.it/lab_nsi/progetti-di-ricerca E’ autore di 250 pubblicazioni scientifiche peer-reviewed, ha un h-index di 62 (Google scholar). Il prof. Fabio Babiloni è nella lista dei Top Italian Scientists, i migliori 2500 scienziati italiani viventi, in tutti i campi del sapere. (vedi qui).Ha al suo attivo 4 progetti Horizon2020, 2 progetti FP7 e numerosi grant con agenzie per la ricerca estere USA (NIH, NSF).

GIANLUCA MANDOTTI | Yess.energy Srl
Amministratore delegato esperto, con una storia di lavoro nel settore della comunicazione e della produzione elettrica dimostrata. Esperto in strategia, gestione delle vendite e marketing, negoziazione e pianificazione aziendale. Caratterizzato da una forte imprenditorialità professionale crede nell’innovazione per l’ecosostenibilità.

DAVIDE BACCIU | Università di Pisa
Ricercatore al Dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa e Segretario dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale. Si occupa di intelligenza artificiale e machine learning sin dal 2003, con applicazioni alla bioinformatica, alla robotica, all’IoT e alla visione artificiale. E’ autore di oltre 70 pubblicazioni scientifiche peer-reviewed, coordinatore di un progetto nazionale su machine learning per dati strutturati e responsabile scientifico di progetti di ricerca industriale in ambito AI.

GIANPAOLO GASPARINI | Antares Vision
Dal 2015 è Responsabile del Dipartimento Track & Trace Software per Antares Vision, azienda leader mondiale nei sistemi di ispezione visiva, nelle soluzioni di tracciatura e nella gestione intelligente dei dati. Sviluppando soluzioni hardware e software per i settori industriali più esigenti, si occupa del processo di protezione dei prodotti durante il loro ciclo di vita e dell’analisi dei dati come strumento di ottimizzazione dei processi produttivi, grazie al monitoraggio in tempo reale delle prestazioni degli impianti.

CATALDO MUSTO | Università di Bari
Cataldo Musto è un ricercatore dello SWAP Research Group del dipartimento di informatica dell’Università degli Studi di Bari. Nel 2011 è stato visiting researcher presso il Philips Research Center di Eindhoven. Ha conseguito il dottorato di ricerca in informatica nel 2012 con una tesi incentrata sullo studio e l’applicazione di modelli di rappresentazione semantica dell’informazione ad algoritmi di profilazione utente e recommender systems. Autore di oltre 70 articoli pubblicate su riviste e conferenze internazionali, dal 2014 collabora con l’Università di Roma e l’Università di Milano alla realizzazione del progetto “Mappa Italiana dell’Intolleranza”.

ALESSANDRO TESTA | HDI Assicurazioni
Alessandro Testa lavora in HDI Assicurazioni dal 2001, precedentemente occupato presso Manheim Ass.ni, Monte Paschi Vita, Ticino Ass.ni Attualmente è responsabile Digita e Data Management in staff al COO. Attualmente vive a Roma e tra i suoi hobbies rientrano lo sci, il diving, la pittura e il motociclismo.

STEFANO LOCELSO | Hitachi Vantara
Stefano è entrato a far parte di Hitachi Data Systems (ora Hitachi Vantara) nel 2008 come Responsabile di Canale per l’Italia per poi ricoprire un nuovo ruolo europeo con l’obiettivo di incrementare le vendite delle soluzioni convergenti di Hitachi sul mercato EMEA. Dall’inizio dell’anno fiscale 2015, è Channel Sales Manager Italy, con l’obiettivo di sviluppare business attraverso i partner italiani.

AGENDA MATTINA

9.00 – 09.30

Registrazione partecipanti

9.30 – 09.45


STEFANO CELATI, BNova
Benvenuto e introduzione al #BDT2018

9.45 – 10.15


LUCA FLECCHIA | P4I

Data Driven Innovation: la gestione del dato come fonte di vantaggio competitivo
Le aziende, da sempre, sono una fonte ricchissima di dati. Tuttavia, solo una piccola parte di quei dati, nel corso del tempo, è stata utilizzata per generare informazioni di valore per il business in un contesto in cui gli scenari competitivi cambiano più velocemente che in passato, è fondamentale che le aziende comincino ad utilizzare i dati a propria disposizione per velocizzare e, dove possibile, automatizzare analisi ed azioni a basso valore aggiunto così da permettere agli attori di business di focalizzarsi sulle attività a più alto valore aggiunto.
Durante l’incontro cercheremo di capire cosa significhi oggi essere una Data Driven Company e di illustrare, sia concettualmente che tramite alcuni casi di studio, quali sono gli strumenti e le competenze di cui un’organizzazione dovrebbe dotarsi per trasformarsi in una Data Driven Organization.

10.15 – 10.45


GIANLUCA GIACCARDI | TesiSquare

Soluzioni Supply Chain collaborative in ottica data driven
L’approccio data driven, integrando nativamente business analytics e sistemi transazionali di supply chian, consente il miglioramento delle performance fornendo le informazioni necessarie per agire tempestivamente e puntualmente sugli eventi, anticipando criticità o trovando opportunità di miglioramento.

10.45 – 11.15

Coffe break

11.15 – 11.45


ALESSANDRO TESTA | HDI

HDI Assicurazioni - Un'organizzazione Data Driven
Il percorso di innovazione digitale intrapreso dalle compagnie di assicurazione negli ultimi anni, implementando principalmente i propri asset tecnologici, ha determinato un cambiamento profondo nei modelli di business. HDI, come del resto quasi tutte le aziende del settore assicurativo, è fortemente orientata verso una trasformazione da organizzazione “prodotto-centrica” a “cliente-centrica”, confrontandosi in un mercato dove la qualità del servizio ai clienti diventa sempre più un elemento chiave su cui basare la propria offerta. In questo contesto, un cambiamento culturale che porta l’azienda a utilizzare i dati per migliorare il processo decisionale è un elemento strategico per raggiungere gli obiettivi e non solo perché dà la possibilità di capire meglio cosa succede o succederà, ma anche e soprattutto perché introduce gli elementi di collaborazione e interfunzionalità tra le strutture aziendali che sono alla base di un modello orientato alla comprensione delle reali esigenze del cliente. Durante l’intervento, attraverso l’esperienza di HDI, cercheremo di approfondire gli elementi chiave di un’organizzazione data-driven e quali passaggi pratici possono accompagnare la trasformazione.

11.45 – 12.15


STEFANO LOCELSO | Hitachi Vantara

Hitachi Vantara & BNova: una vision condivisa sul mondo dei Big Data
COMING SOON

12.15 – 12.45


FABIO BABILONI | Brainsigns, Università la Sapienza

Cognitive Neuroscience and Big Data: a possible marriage
La scienza dei big data è in grado di descrivere come le persone prendono decisioni in differenti contesti. In aggiunta, attraverso la semantica intesa come scienza è possibile descrivere i sentimenti che le persone mettono per iscritto, tipicamente su internet, relative a differenti stimoli. Tuttavia, attraverso le neuroscienze, noi sappiamo che, fattori come l’accettazione sociale, le limitate capacità di introspezione e le limitazioni neuroanatomiche rendono gli uomini scarsi reporter dei loro stati interiori. Ciò significa che il motivo per cui le persone fanno ciò che fanno non si può capire dal loro comportamento. una connessione fra la scienza dei big data e le neuroscienze rappresenta un punto di svolta significativo per capire non solo il perché di alcuni fenomeni ma anche il come. Le neuroscienze cognitive sono pronte per essere usate in contesti industriali avanzati? In questa presentazione verrà descritto un possibile percorso per l’utilizzo di risultati avanzati nelle applicazioni di neuroscienze cognitive nel contesto di neuromarketing.

10.45 – 11.15

Networking & Lunch

AGENDA POMERIGGIO

14.00 – 14.30


LUCIA PASSARO | Coling Lab, Università di Pisa

SEM, il Chattadino – Progetto di ricerca in collaborazione con UniPi
Assistenti virtuali e CHATBOT si stanno affermando con sempre maggiore decisione, l’Italia è da ormai un anno sopra la media europea per l’utilizzo di chat. In questo contesto nasce SEM, un chatbot per la PA che, integrando banche dati, contenuti social, siti web e atti amministrativi…
si rivolge a cittadini che vogliono informazioni, ai turisti che desiderano avere indicazioni sul patrimonio culturale del territorio, a giornalisti e attivisti che vogliono vigilare sull’ente pubblico. Un vero strumento di empowerment del cittadino. Le competenze di SEM derivano da una potente pipeline di elaborazione linguistica e semantica, che abbraccia aspetti legati all’Intelligenza Artificiale per analizzare ed estrarre informazioni da dati strutturati e non. Le interazioni vengono continuamente monitorate da una dashboard, applicando tecniche di Big Data & Semantic Analysis e Data Visualization specifiche, rispettando la privacy degli utenti. Il sistema sarà compatibile con le app più diffuse di messaggistica, come Telegram, Skype, Facebook. Il progetto è sviluppato a quattro mani da BNova e ColingLab, laboratorio di Linguistica computazionale dell’Università di Pisa.

14.30-15.00


CATALDO MUSTO | Università di Bar

Social Networks & Hate Speech: la Mappa Italiana dell'Intolleranza
Secondo un recente studio di IBM il 90% delle informazioni che viaggiano in Rete è stato prodotto negli ultimi due anni. I principali artefici di questa crescita esponenziale dei dati siamo noi utenti,che quotidianamente produciamo “informazione” attraverso social network, cellulari e dispositivi dotati di sensoristica. Questo recente fenomeno ha modificato alcuni paradigmi comportamentali consolidati: basti pensare ai nuovi strumenti per discutere in Rete con altri individui e alle nuove modalità con cui oggi costruiamo le relazioni sociali.Uno dei fenomeni più interessanti degli ultimi anni è legato al tema dell’Hate Speech, i “discorsi d’odio” che sempre più frequentemente vengono riversati in Rete e sui social network. Dal 2015 il Dipartimento di Informatica dell’Università di Bari,insieme all’associazione Vox Diritti, all’Università degli Studi di Roma e all’Università Statale di Milano lavora al progetto “Mappa Italiana dell’Intolleranza”, il cui scopo è creare delle mappe termografiche che evidenzino le aree del territorio nazionale in cui gli individui pubblicano più frequentemente contenuti di tipo omofobo, razzista, antisemita o in generale “intollerante” su social network come Twitter e Facebook. Lo scopo del talk è di discutere del ruolo dei social networks e dei social media nella società moderna, delle potenzialità di questi strumenti, dei rischi, e dell’evoluzione recente legata al tema dell’hate speech, mostrando gli ultimi risultati del progetto Mappa Italiana dell’Intolleranza.

15.00-15.30


GIANPAOLO GASPARINI | Antares

Caso Antares: prima applicazione di serializzazione farmaceutica su tecnologia graph db
Antares Vision è un fornitore leader a livello mondiale di sistemi e macchine di serializzazione e di ispezione ad alte prestazioni. Guidando l’intero processo di tutela del prodotto farmaceutico durante tutto il ciclo di vita. Antares Vision ha rilasciato la più inclusiva e completa soluzione di inspection system, track and trace e data management. Con miliardi di dati e un tempo di risposta virtual real time, la struttura del database a grafo sembra la soluzione ideale per una applicazione così complessa.

15.30-16.00


DAVIDE BACCIU | Università di Pisa

Bioinformatica intelligente - Il deep learning per grafi e le sue applicazioni biomediche e farmaceutiche
L’Intelligenza Artificiale sta rivoluzionando il modo di realizzare i servizi e prodotti IT attraverso tecnologie che permettono uno sviluppo guidato dai dati. Allo stesso tempo, l’Intelligenza Artificiale si sta evolvendo per fornire strumenti in grado di trattare dati di complessità crescente. In questo senso, i grafi sono un tipo di dato tra i più complessi ed espressivi. Tramite queste strutture è possibile rappresentare molteplici sorgenti o parti di informazione (i nodi del grafo) e le relazioni che li legano (gli archi del grafo), quali ad esempio interazioni sociali, fisiche, chimiche o biologiche. Mostreremo come i grafi siano una naturale rappresentazione per fenomeni e processi in ambito biomedicale e chimico-farmaceutico, quali interazioni farmaco-farmaco o tra farmaci, malattie e processi metabolici. Discuteremo l’utilizzo di tecniche di Deep Learning per l’analisi di grafi, con applicazione al riposizionamento dei farmaci, alla predizione di interazioni pericolose tra molecole, per arrivare alla sintesi automatica di composti chimici e delle loro proprietà.

16.00-16.30


GIANLUCA MANDOTTI | Yess.energySRL

Soluzioni di e-mobility: IoT al servizio di una mobilità sostenibile
La salvaguardia dell’ambiente è una delle tematiche più dibattute di questo periodo: è fondamentale avere rispetto e cura della Terra per garantire un futuro migliore alle prossime generazioni. La Comunità Europea è costantemente attiva nello sviluppo di politiche ambientali come la strategia “Europa 2020”, che ha tra i suoi obiettivi la diminuzione delle emissioni di CO2 del 20%. È per questo motivo che sempre più spesso si sente parlare di e-mobility come un tassello importante per un futuro più a misura d’uomo. Yess.Energy nasce appunto per favorire un nuovo approccio verso l’ambiente, la mobilità sostenibile e l’economia circolare. YESS offre una tecnologia indipendente, non vincolata ad alcun produttore/distributore di energia. Inoltre è in grado di offrire all’utente un’esperienza di ricarica sicura e veloce, grazie a un sistema per ricercare ed interagire con le colonnine, ed al gestore la possibilità di monitorarne in tempo reale lo stato, l’utilizzo e gli eventuali guasti. Internet of things, Big Data e Cloud sono alla base della soluzione Yess.Energy. La grande sfida è stata quella di mettere a valore questi tre fattori facendo leva sulla straordinaria potenzialità che i dati possono portare al tema della mobilità. In tal senso, la suite Keplero ha garantito notevoli vantaggi in termini di interoperabilità, flessibilità ed utilizzo degli standard aperti ed ha consentito di ridurre sensibilmente costi e tempi di sviluppo.

10.45 – 11.15

CHIUSURA DEI LAVORI

RELATORI

GIANLUCA GIACCARDI | TesiSquare
BIO
Classe 1969, ha iniziato la propria esperienza professionale nell’ambito della consulenza informatica. Nel 1996 è tra i soci fondatori di Tesi Spa società che vedrà nei successivi anni crescere in termini di volume d’affari (oggi 30 mln di €) e di dipendenti/collaboratori (oltre 300). Sin dal principio è direttamente coinvolto nella direzione aziendale, di cui è membro del consiglio di amministrazione e, in ambito business, ha seguito lo sviluppo del settore GRC&HR di cui è stato Business Line Excecutive per poi diventare responsabile dello sviluppo prodotto con il ruolo attuale di Chief Product Officer. A partire dal 2015 è direttamente coinvolto nel progetto internazionale di cui è responsabile dello sviluppo del mercato Francese.

LUCA FLECCHIA | P4I
BIO
Cresciuto professionalmente nelle principali aziende di consulenza (KPMG, Capgemini), dove si è occupato di progetti sia di management consulting che di implementazione di sistemi informativi. Le sue esperienze variano da analisi di performance di processi (es. supply chain) alla stesura di analisi funzionali per la realizzazione di applicazioni custom. Ha sviluppato competenze su progetti CRM, merchandise financial planning e analytics, sia in termini di analytics “tradizionali” (es. dashboard, reporting, data warehousing) sia di “advanced” analytics. Si occupa attualmente della gestione della unit di Data Driven Innovation in Partners4Innovation, dove, tra le altre cose, coniuga le proprie competenze di analytics con quelle di Business Process Management (BPM) nell’applicazione delle tecniche di Process Mining.

LUCIA PASSARO | UNIPI, Dip. di Filologia Letteratura e Linguistica
BIO
Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Università di Pisa, e membro del CoLing Lab. Ha conseguito la laurea triennale in Informatica Umanistica con una tesi sulla classificazione automatica dei nomi di evento, e la laurea magistrale in Informatica con una tesi di Business Intelligence. Dopo la laurea magistrale, ha conseguito il dottorato di ricerca in Ingegneria dell’informazione presso l’Università di Pisa con una tesi su modelli distribuzionali di emozioni per la Sentiment Analysis. I suoi interessi di ricerca vanno dall’ Affective computing all’estrazione di informazione da corpora. Altri ambiti di interesse sono il text mining, la semantica distribuzionale, l’information retrieval, la Business & Competitive Intelligence. (https://colinglab.humnet.unipi.it/people/lucia/)

STEFANO CELATI | BNova
BIO
Da oltre 16 anni si occupa di Business Intelligence, avendo avuto l’opportunità di lavorare a progetti per alcune delle più grandi realtà in Italia ed anche in ambito internazionale. Appassionato da sempre di tecniche di Data Warehousing , negli ultimi anni, ha sempre più sviluppato competenze in ambito Big Data Analytics, grazie all’utilizzo di strumenti e piattaforme innovativi in questo mondo.La sua naturale predisposizione al rapporto con gli altri, lo ha portato inoltre a conseguire la certificazione come Pentaho Trainer, grazie alla quale ha potuto coronare un pò il suo desiderio di fare l’insegnante.

FABIO BABILONI | Brainsigns – Università la sapienza di Roma
BIO
Il prof. Fabio Babiloni è professore di Fisiologia e Neuroscienze, ed anche professore di Neuroeconomia e Neuromarketing come anche di Bioingegneria elettronica presso l’Università di Roma Sapienza. Dirige il laboratorio di Neuroscienze industriali, dove si applicano le neuroscienze nei contesti di marketing e di attività di interesse per l’industria italiana e straniera https://web.uniroma1.it/lab_nsi/progetti-di-ricerca E’ autore di 250 pubblicazioni scientifiche peer-reviewed, ha un h-index di 62 (Google scholar). Il prof. Fabio Babiloni è nella lista dei Top Italian Scientists, i migliori 2500 scienziati italiani viventi, in tutti i campi del sapere. (vedi qui).Ha al suo attivo 4 progetti Horizon2020, 2 progetti FP7 e numerosi grant con agenzie per la ricerca estere USA (NIH, NSF).

GIANLUCA MANDOTTI | Yess.energy Srl
BIO
Amministratore delegato esperto, con una storia di lavoro nel settore della comunicazione e della produzione elettrica dimostrata. Esperto in strategia, gestione delle vendite e marketing, negoziazione e pianificazione aziendale. Caratterizzato da una forte imprenditorialità professionale crede nell’innovazione per l’ecosostenibilità.

DAVIDE BACCIU | Università di Pisa
BIO
Ricercatore al Dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa e Segretario dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale. Si occupa di intelligenza artificiale e machine learning sin dal 2003, con applicazioni alla bioinformatica, alla robotica, all’IoT e alla visione artificiale. E’ autore di oltre 70 pubblicazioni scientifiche peer-reviewed, coordinatore di un progetto nazionale su machine learning per dati strutturati e responsabile scientifico di progetti di ricerca industriale in ambito AI.

GIANPAOLO GASPARINI | Antares Vision
BIO
Dal 2015 è Responsabile del Dipartimento Track & Trace Software per Antares Vision, azienda leader mondiale nei sistemi di ispezione visiva, nelle soluzioni di tracciatura e nella gestione intelligente dei dati. Sviluppando soluzioni hardware e software per i settori industriali più esigenti, si occupa del processo di protezione dei prodotti durante il loro ciclo di vita e dell’analisi dei dati come strumento di ottimizzazione dei processi produttivi, grazie al monitoraggio in tempo reale delle prestazioni degli impianti.

CATALDO MUSTO | Università di Bari
BIO
Cataldo Musto è un ricercatore dello SWAP Research Group del dipartimento di informatica dell’Università degli Studi di Bari. Nel 2011 è stato visiting researcher presso il Philips Research Center di Eindhoven. Ha conseguito il dottorato di ricerca in informatica nel 2012 con una tesi incentrata sullo studio e l’applicazione di modelli di rappresentazione semantica dell’informazione ad algoritmi di profilazione utente e recommender systems. Autore di oltre 70 articoli pubblicate su riviste e conferenze internazionali, dal 2014 collabora con l’Università di Roma e l’Università di Milano alla realizzazione del progetto “Mappa Italiana dell’Intolleranza”.

ALESSANDRO TESTA | HDI Assicurazioni
BIO
Alessandro Testa lavora in HDI Assicurazioni dal 2001, precedentemente occupato presso Manheim Ass.ni, Monte Paschi Vita, Ticino Ass.ni. Attualmente è responsabile Digita e Data Management in staff al COO. Attualmente vive a Roma e tra i suoi hobbies rientrano lo sci, il diving, la pittura e il motociclismo.

STEFANO LOCELSO | Hitachi Vantara
BIO
Stefano è entrato a far parte di Hitachi Data Systems (ora Hitachi Vantara) nel 2008 come Responsabile di Canale per l’Italia per poi ricoprire un nuovo ruolo europeo con l’obiettivo di incrementare le vendite delle soluzioni convergenti di Hitachi sul mercato EMEA. Dall’inizio dell’anno fiscale 2015, è Channel Sales Manager Italy, con l’obiettivo di sviluppare business attraverso i partner italiani.

GUEST

SEM-CHATTADINO

BRAINSIGNS

UNIVERSITA' DI BARI

YESS.ENERGY

P4I

hdi

UNIPI

TESISQUARE

ANTARES

PARTNER

PENTAHO

HITACHIVANTARA

ERWIN

LARUS

COLING-LAB

COLING-LAB

SEACOM

NEO4J

KEPLERO

VERTICA

MEDIA

INCONTRA BNOVA

DURANTE LA GIORNATA DELL’EVENTO FISSA UN APPUNTAMENTO CON UNO DEI NOSTRI ESPERTI PER APPROFONDIRE UNA TEMATICA CHE TI STA A CUORE O PER CHIEDERE APPROFONDIMENTI RELATIVAMENTE AD UNA SOLUZIONE O PRODOTTO CHE POTREBBE ESSERE UTILE ALLA TUA AZIENDA.

RICHIEDI INCONTRO ONE2ONE

25 OTTOBRE 2018

MILANO | PIAZZA MERCANTI 2

PALAZZO GIURECONSULTI | SALA COLONNE

PALAZZO GIURECONSULTI

PIAZZA MERCANTI 2, MILANO SALA COLONNE

ISCRIZIONE GRATUITA






VOGLIO FISSARE UN INCONTRO ONE2ONE CON BNOVA

Informativa sul Trattamento dei Dati BNova ex Reg. EU 2016/679 (GDPR)


0585 842210 | 06 94804839 | 02 58215555 | BNOVA