La questione è sulla bocca di tutti!

Immagine promozionale cta infografica intelligenza artificiale

Come si può trasformare un trend in una strategia per il tuo business?  

L’intelligenza artificiale è una combinazione di tecnologie che consente alle macchine di comportarsi e ragionare come farebbe l’intelligenza umana. Il potenziale dell’AI all’interno di un contesto aziendale influisce sia a livello decisionale che funzionale, con vantaggi in termini di efficienza operativa ed efficacia manageriale.  Come tutte le grandi rivoluzioni ha un rovescio della medaglia dato dai rischi che potrebbe arrecare qualora se ne faccia ricorso in maniera impropria. Per questo è importante nel contesto di impiego diffondere un senso di forte responsabilità e implementare processi di controllo.  Vediamo, in sintesi, a cosa può essere utile e come sfruttare l’intelligenza artificiale offrendovi degli spunti di riflessione. 

 

Come ricorrere all’intelligenza artificiale?

> Focalizzarsi: prima di trasformare il tuo business, sarà necessario capire qual è il grado di maturità della tua azienda nell’utilizzo di dati e analitiche, a che punto ti trovi rispetto all’uso dell’AI come supporto decisionale, e quindi come l’impiego o l’incremento applicativo dell’AI può venirti in aiuto sia internamente (miglioramento processi, incremento di decisioni ed analisi efficaci), sia esternamente (realizzazione di prodotti e servizi utili per clienti e figure che ruotano attorno all’azienda).

> Automatizzare: ricorrere alle macchine e a processi automatizzati consente di avere più tempo per studiare i dettagli che fanno la differenza. Molti sono spaventati dall’impiego delle macchine, in realtà l’uso delle macchine potrebbe permettere di impiegare il capitale umano in mansioni, intuizioni, processi decisionali che le macchine non saranno in grado di svolgere, perché la sensibilità’ non si può programmare, e nemmeno l’empatia.

> Condividere e diffondere: trasmettere sia internamente, sia esternamente all’azienda i risultati raggiunti con il ricorso all’intelligenza artificiale, ma anche quanto potrebbe essere raggiungibile. Farlo in modo chiaro e trasparente per creare un’AI culture.

> Effetto “Wow!”chatbot, app per il miglioramento della customer experience e assistenti digitali. “Creare” è la parola d’ordine! Nulla meglio dell’esperienza diretta può sensibilizzare il cliente e migliorare la sua interazione con l’aziendaconsentendo fidelizzazione.   

 

Usare l’AI responsabilmente

Il caso Cambridge Analytica ci insegna che se le macchine incontrano “geni” senza un’anima si possono creare situazioni compromettenti (per usare un eufemismo). Quindi siate intelligenti, ma responsabilmente! Tra i fattori determinanti segnaliamo:

> Capitale umano: è imprescindibile! Di sicuro si andrà verso una razionalizzazione delle risorse e verso l’ossimoro dell’essere flessibili, ma avere skills specifiche che possono fare la differenza.

> #BeCompliant: tenere d’occhio le normative e instaurare processi che consentano il monitoraggio dell’accesso a dati e alle specifiche tecniche, nonché il controllo a come viene fatto il ricorso all’intelligenza artificiale. 

   

Ambiti applicativi e alcuni risultati ottenuti

Abbiamo sottolineato, in precedenti articoli, come sia importante aprire la mente e guardare oltre anche alle proprie strette necessità. Non dovremmo più pensare che dal momento che non ci occupiamo di informatica non abbiamo bisogno dell’AI. L’AI semplifica i processi, sintetizza risultati di business, è utile per la tanto acclamata digitalizzazione, insomma è un viaggio fatto di tappe ed opportunità che potranno aiutare la trasformazione del tuo business e passare dalla sperimentazione all’evoluzione.  Vi mostriamo, di seguito, alcune infografiche tratte dall’Osservatorio Digital Innovation del Politecnico di Milano, con il quale collaboriamo, che evidenziano:

> il fatturato generato dal mondo dell’intelligenza artificiale nel 2019 diviso per aree tematiche. Come BNova stiamo investendo molto nel campo dei sistemi di raccomandazione, proprio per l’alto valore aggiunto che possono apportare nel settore della #customerexperience. 

  

> i settori di impiego dell’AI. Soffermiamoci sul 25% del sistema bancario e finanziario. L’AI può essere un valido aiuto nell’ambito della lotta al financial crime apportando vantaggi sui tempi e sul coordinamento di conoscenze e risorse nel mare magnum di normative e procedure.

Immagini da: https://www.digital4.biz/executive/ai-cos-e-l-intelligenza-artificiale-e-come-puo-aiutare-le-imprese/

 

Cosa aspettate ad essere parte di questa rivoluzione?

  

Se questo articolo ti ha incuriosito leggi anche:

          – BigData4Business Toolkit

          – Data mining e processi decisionali

Approfondimenti da BNext:

Sentiment Analysis: significato, applicazioni e strumenti utili

La Sentiment Analysis, conosciuta anche come Opinion Mining, è una branca dell'elaborazione del linguaggio naturale (NLP) che si concentra sull'identificazione e l'estrazione di informazioni soggettive dai dati testuali. Negli ultimi anni, la Sentiment Analysis ha...

Customer journey analytics: cos’è, esempi e best practices

Nell'era del cliente digitale, le imprese cercano costantemente modi per migliorare l'esperienza del cliente e ottimizzare i percorsi di acquisto. In questo contesto, la Customer Journey Analytics (CJA) emerge come una strategia fondamentale per capire e perfezionare...

Customer data platform (CDP): cos’è e quando utilizzarla

Nell’era del digitale, acquisire e ottenere conoscenza attraverso i dati dei clienti riveste un’importanza vitale per il business delle organizzazioni. Per gestire al meglio quelli che vengono definiti i customer data il classico foglio Excel non è più sufficiente,...

Cluster Analysis: cos’è e come si esegue

La tendenza a creare gruppi omogenei a partire dai dati di cui si dispone rappresenta un atteggiamento sempre più diffuso per descrivere un fenomeno che non si conosce a priori e renderlo facilmente comprensibile agli stakeholder. La scienza dei dati affronta in vari...

Data Driven: cosa significa e come applicarne i principi in azienda

Nell’era del digitale, parlare di data-driven è diventato quasi un imperativo categorico, ma cosa vuol dire per davvero, essere un’azienda data-driven? A questa fondamentale domanda è possibile rispondere in molti modi, anche perché i contesti in cui ci si approccia...

Data Science Lifecycle, le 6 (+1) fasi del processo

La Data Science è un campo di studi interdisciplinare il cui obiettivo finale è estrarre informazione e conoscenza utili da dati strutturati o non strutturati. Non esiste un framework unico e universalmente condivido per definire i processi di Data Science, tuttavia, dal punto di vista tecnico lo standard KDD è quello a cui ci si ispira maggiormente, perché indica l’intero processo di ricerca di nuova conoscenza dai dati.

A cosa serve la Data Science?

L’analisi dei dati è in generale una materia molto ampia e con una storia che rimanda indietro di diversi anni da oggi. Si inizia a parlare di analisi dati già alla fine del 1700 con le prime visualizzazioni grafiche e l’evoluzione di questa materia non solo negli...

Churn Strategy: gli step per impostarla al meglio minimizzando il Churn Rate

Churn analysis e churn rate sono due concetti strettamente connessi: l’analisi degli abbandoni (churn analysis) è quella branca della Data Science attraverso cui si cerca di prevedere quali clienti hanno maggiori probabilità di abbandonare l’azienda, cosa che si...

I 6 comandamenti per un Data Storytelling di successo 

Letteralmente il Data Storytelling è l’arte del raccontare una storia attraverso i dati. Si tratta dell’evoluzione della Data Visualization, l’ultimo step di quel lungo processo analitico che ha lo scopo di trasformare i dati provenienti dalle diverse origini di...

Cosa sono i Big Data e come vengono utilizzati?

I Big Data sono ormai entrati a far parte del mercato tecnologico globale, ma spesso questa definizione viene utilizzata senza aver chiaro di cosa si tratta o di quali sono le accortezze e le tecnologie necessarie per poterli sfruttare al meglio nel loro valore...